Statistiche sull'utilizzo di animali nella sperimentazione - fino al 2000

In questa pagina presentiamo alcune statistiche, tratte da documenti ufficiali, della sperimentazione su animali in Italia e nel Regno Unito.

Le fonti sono:

  • Italia - dati del triennio 1995-1997 - G.U. Serie generale n.213 12-9-1998
  • Italia - dati del triennio 1998 - 2000 - Supplemento ordinario alla G.U. Serie Generale n. 297 - 30-11-2001 - Disponibili su file (in formato PDF)
  • Regno Unito - Home Office Statistics on procedures on living animals 1999 - Disponibili su file (formato PDF)
  • Regno Unito - Home Office Statistics on procedures on living animals 2000 - Disponibili su file (formato PDF)
  • Regno Unito - Home Office Statistics on procedures on living animals 2001

Presentiamo qui solo i dati, senza alcun commento sull'inattendibilità scientifica dei risultati ottenuti dagli esperimenti sugli animali.

Italia

L'unica nota positiva che emerge da questi dati è la lenta ma costante diminuzione del numero di animali utilizzati negli ultimi 3 anni, ma questo trend è probabilmente destinato ad invertirsi con lo sviluppo della sperimentazione su animali transgenici.

Probabilmente non si possono confrontare i dati del triennio 1995-1997 con quelli del triennio 1998-2000, perché quelli dell'ultimo triennio dovrebbero essere, sperabilmente, più precisi.

In ogni caso, manca l'indicazione del numero di esperimenti eseguiti in deroga all'obbligo di anestesia: come si vedrà più oltre, per il Regno Unito la maggior parte degli esperimenti sono eseguiti senza anestesia (il 60%), in Italia sicuramente questo è vero per un gran numero di esperimenti, ma non è noto il numero preciso.

Vediamo comunque il numero di animali usati ogni anno in questi ultimi 6 anni:

Numero di animali utilizzati ogni anno
1995 1996 1997 1998 1999 2000
956.000 1.071.248 1.130.536 1.099.491 959.105 905.603
Numero di animali utilizzati nella didattica
756 1.497 1.233 3.501 2.715 2.835

Esaminiamo più in dettaglio i dati dell'ultimo triennio, tenendo conto che i dati completi possono essere reperiti dai documenti indicati nelle Fonti.

Numero di animali usati suddivisi per specie
Specie Anno 1998 Anno 1999 Anno 2000
1.a. Topi (Mus musculus) 422.454 394.310 404.602
1.b. Ratti (Rattus norvegicus) 579.479 491.966 434.664
1.c. Porcellini d'India (Cavia porcellus) 29.471 18.455 17.467
1.d Criceti (Mesocricetus) 3.955 3.565 1.614
1.e. Altri roditori (altri Rodentia) 5.372 2.428 2.308
1.f. Conigli (Oryctolagus cuniculus) 22.920 16.430 16.720
1.g. Gatti (Felis catus) 89 29 25
1.h. Cani (Canis familiaris) 876 745 766
1.i. Furetti (Mustela putorius furo) 8 16 -
1.j Altri carnivori (altri Carnivora) - - -
1.k. Cavalli, asini e incroci (Equidae) 22 20 22
1.l. Suini (Sus) 1.529 2.045 2.544
1.m. Caprini (Capra) 206 41 58
1.n. Ovini (Ovis) 345 612 429
1.o Bovini (Bos) 229 542 552
1.p. Proscimmie (Prosimia) 103 - -
1.q. Scimmie del Nuovo Mondo (Ceboidea) 52 50 59
1.r. Scimmie del Vecchio Mondo (Cercopithecoidea) 272 450 553
1.s. Altre scimmie (Hominoidea) - - -
1.t. Altri mammiferi (altri Mammalia) 70 25 26
1.u. Quaglie (Coturnix coturnix) 107 226 -
1.v. Altri uccelli (altri Aves) 24.992 19.931 17.105
1.w. Rettili (Reptilia) 1.739 1.410 1.046
1.x. Anfibi (Amphibia) 3.135 2.164 3.119
1.y. Pesci (Pisces) 2.066 3.645 1.924
1.z. Totale 1.099.491 959.105 905.603

Come si vede, la quasi totalità degli esperimenti è compiuta su topi e ratti, perché sono animali poco costosi, sono piccoli e quindi di facile stabulazione, si riproducono facilmente, non incontrano molte simpatie nel grande pubblico.

Per l'anno 2000, il 95% degli animali utilizzati erano topi, ratti e altri roditori. Seguono uccelli e conigli, con l'1.8% circa. Gli altri animali più usati sono, nell'ordine, gli anfibi, i suini, i rettili e i pesci. Cani, gatti e scimmie, animali su cui si possono eseguire esperimenti solo previa autorizzazione esplicita del Ministero della Salute, continuano a essere usati in gran numero (766 cani, 612 scimmie, 26 gatti).

Esaminiamo ora i campi di impiego di questi animali, per l'anno 2000.

Numero di animali usati suddivisi per area di impiego

Ricerca di base

Ricerca, sviluppo, produzione e controllo qualità di prodotti e apparecchi per medicina umana e odontoiatria

Ricerca e sviluppo di prodotti e apparecchi per medicina veterinaria

Test di tossicità

Diagnosi di malattie

Didattica

Altro

274.673 518.025 14.248 64.233 25.670 2.835 5.919
30% 57% 1.4% 7% 2.7% 0.3% 0.6%

I test su animali obbligatori per legge sono quelli di tossicità che risultano impiegare, a seconda della tabella che si consulta, 64.233 oppure 88.432 animali l'anno, cioè il 7% o il 9.7% del totale.

Può essere interessante notare per quali scopi vengono usati gli animali nello studio delle malattie umane e animali (che non coincide con la ricerca di base, perché per la ricerca di base sono usati 274.673 animali, per gli studi di malattie 334.832 animali).

Numero di animali usati nello studio di malattie suddivisi per tipo di malattia
Malattie cardiovascolari umane

Disturbi nervosi e mentali umani

Cancro nell'uomo (escluso lo studio dei rischi di carcinogenesi)

Altre malattie umane

Malattie animali

Totale

20.742 85.387 69.342 154.330 5.031 334.832

Nella documentazione dettagliata vengono riportate anche le specie usate: si tratta sempre di topi, ratti, altri roditori e conigli, per la quasi totalità. Interessante mettere in luce come i disturbi mentali e nervosi degli esseri umani usino come modello topi e ratti. A questo proposito, potete leggere l'articolo Analisi critica dei modelli animali in psichiatria.

Regno Unito

Prima di esaminare queste statistiche, occorre far notare che gli animali presi in considerazione sono solo quelli su cui si compiono esperimenti "in vivo". A questi vanno aggiunti, secondo l'associazione inglese Animal Aid, 400.000 animali l'anno che vengono uccisi solo per usare i loro tessuti nella ricerca in vitro.

Anche nel Regno Unito la quasi totalità degli animali usati è composta di topi, ratti, altri roditori e conigli, per un totale del 97%, nel 1999.

Il numero totale di animali usati nel 1999 è stato di 2.569.295. Escludendo il 97% di roditori, gli altri animali più usati risultano i pesci e gli uccelli, seguiti da pecore e anfibi. Sono stati usati 8.185 cani, 1.632 gatti e circa 4.000 scimmie.

Per l'anno 2000 sono disponibili statistiche più dettagliate: Il numero di animali usati è purtroppo aumentato del 3%, passando a 2.642.993.

Il 30% degli esperimenti è stato eseguito per la ricerca di base, il 27% per studi applicati di medicina umana e odontoiatria, il 7% per medicina veterinaria applicata, il 17% per studi di tossicità. Il rimanente 17% non è riportato.

Il 60% degli esperimenti è stato eseguito senza alcuna anestesia, un numero decisamente enorme. Va notato comunque che anche nel caso in cui l'anestesia venga praticata, l'effetto dell'anestetico finisce ben presto, e da quel momento l'animale inizia a soffrire.

Numero di animali usati nel 2000 suddivisi per specie
Specie Numero Variazione dal 1999
Topo 1.605.722 -1%
Ratto 524.168 -5%
Cavia 56.358 -8%
Criceto 7.275 -29%
Gerbillo 3.951 -36%
Coniglio 27.398 -0.1%
Gatto 613 -10%
Cane 4.745 -20%
Furetto 1.358 +22%
Altri carnivori 663 -77%
Equini 452 -3%
Maiale 8.326 -26%
Capra 325 -22%
Pecora 16.078 +11%
Bovini 6.801 +57%
Altri mammiferi 457 -23%
Scimmie del nuovo mondo 1.060 -1%
Scimmie del vecchio mondo 1.891 -11%
Uccelli 120.505 +16%
Rettili 63 +97%
Anfibi 9.661 +4%
Pesci 242.757 +98%
Animali geneticamente modificati 581.740 esperimenti +14%
Totale 2.642.993 +3%

I test di tossicità sono diminuiti dal 1999 del 16%. L'84% di questi erano obbligatori per legge.

Test di tossicità
animali usati suddivisi per tipo di esperimento
Categoria Numero Variazioni dal 1999
Totale 441.858 -16%
Sicurezza/efficacia generali 131.400 -8%
Sicurezza/efficacia per prodotti farmaceutici 261.098 (dato mancante)
Altri scopi 48.360 +9%
Inquinamento 35.017 +8%
Agricoltura 35.278 -27%
Industria 53.857 -6%
Prodotti per la casa 1.242 +264%
Addittivi alimentari 4.703 +70%
Altri test per alimenti 1.303 -37%

Per quanto riguarda l'utilizzo di animali per scopi diversi dai test di tossicità, il 20% degli esperimenti è compiuto per la ricerca farmaceutica e lo sviluppo di nuovi farmaci; seguono immunologia e ricerca sul cancro al 16% e 11% rispettivamente.

Per l'anno 2001, i dati sono strutturati in molte tabelle, ma per dare un'idea generale di quelli più interessanti, possiamo dire che:

  • Il numero di animali usati in totale ammonta a 2.57 milioni, un 2,8% in meno del 2000, ma comunque più di quelli usati nel 1999
  • Topi, ratti e altri roditori costituiscono l'85%, come nell'anno precedente
  • Il numero di primati non umani è aumentato dell'8%.
  • Il numero di animali geneticamente modificati è aumentato dell'8% rispetto al 2000.
  • Il 60% degli esperimenti non prevede anestesia, come nell'anno precedente.
  • I test di tossicità costituiscono il 17% del totale, per la maggior parte obbligatori per legge. Le restanti procedure sono per il 30% dedicate alla ricerca di base, per il 26% alla medicina applicata, per il 7% alla medicina veterinaria applicata, per il 6% alla protezione dell'ambiente, per il 2% ad "altro", mentre il restante 30% di animali è stato usato a scopo di riproduzione.
  • Il 39% delle procedure di test sono di tipo commerciale, il 38% è svolto nelle università, il 4% dal istituti governativi, il 13% da altri istituti pubblici, il 6% dalle organizzazioni no-profit.

Stati Uniti

Qualche dato anche dagli Stati Uniti, tratto dal Rapporto HSUS - Humane Society of United States (Science and Conscience) che fa riferimento all'Animal Welfare Report del 1998.

  • da 10 a 20 milioni di topi e ratti
  • 1.2 milioni di animali esclusi i topi
  • 35% ricerca medica
  • 20% ricerca farmacologica
  • 20% test di tossicità dei prodotti chimici
  • 15% produzione di anticorpi
  • 10% didattica
Animali utilizzati:

  • Gatti: 24.712
  • Pecore: 27.381
  • Maiali: 76.568
  • Altri animali da fattoria: 53.671
  • Cani: 76.071
  • Primati: 57.377
  • Criceti: 206.243
  • Cavie: 261.305
  • Conigli: 287.523
  • Altri: 142.963 (animali selvatici)

Crimini nascosti

Mostra fotografica

Se non hai il coraggio di guardare cosa succede nei laboratiori di vivisezione a maggior ragione:

Aiutaci a fermarla!